589
page-template-default,page,page-id-589,stockholm-core-1.0.8,woocommerce-no-js,select-child-theme-ver-1.1,select-theme-ver-5.1.5,ajax_fade,page_not_loaded,popup-menu-slide-from-left,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive
Title Image

Trattamento Acque Meteoriche di Prima Pioggia e Dilavamento

Acque Meteoriche di Prima Pioggia

La società Ecosmart Srl è in grado di affrontare e gestire in modo efficace il problema delle acque meteoriche che a causa di superfici impermeabilizzate sempre più estese e di eventi meteorici sempre più intensi e concentrati nel tempo, possono dare origine ad eventi alluvionali catastrofici. L’intenso sfruttamento del territorio dato dalla realizzazione o ampliamento di nuovi insediamenti urbani, industriali e commerciali ha dato origine ad un forte aumento delle aree impermeabilizzate. L’impermeabilizzazione dissennata del suolo è causa della rottura dell’equilibrio naturale tra i fattori: precipitazione, evaporazione-evapotraspirazione, deflusso superficiale (fossi, torrenti, fiumi,…), alimentazione della falda acquifera. Tutto ciò è stato aggravato, in questi ultimi anni dai cambiamenti climatici in atto, che tenderanno sempre più ad estremizzare gli eventi meteorici. Pertanto diventa sempre più importante gestire in maniera intelligente le acque meteoriche favorendo il loro riutilizzo e/o la loro dispersione nella falda.

Problema

Le acque meteoriche precipitando su delle arre impermeabilizzate (tetti, piazzali, strade, parcheggi,…) solitamente vengono canalizzate e convogliate in fogna bianca o mista, ove prevista, o altrimenti in fossi, canali, fiumi,…, o disperse nel sottosuolo. L’intensa impermeabilizzazione del suolo associata ad eventi meteorici sempre più intensi ha dato e può dare origine alle seguenti problematiche:

  • Allagamenti causati dal sovraccarico delle fognature, perché idraulicamente sotto dimensionate;
  • Straripamento di canali, torrenti, fiumi a causa del loro raggiungimento molto veloce da parte delle acque meteoriche. Infatti le acque scorrono in maniera molto più veloce ed intensa su di una zona impermeabilizzata rispetto ad un’area adibita a verde.
  • Ricarica delle falde acquifere. All’aumentare delle aree impermeabilizzate diminuisce la quantità di acque meteoriche che vengono assorbite dal terreno e raggiungono la falda.

Soluzioni

Le acque meteoriche possono essere gestite favorendo a seconda dei casi il loro riutilizzo e/o la loro dispersione nella falda.

Acque Meteoriche di Prima Pioggia 

Per acque di prima pioggia si intendono i primi 5 mm di acqua per ogni evento meteorico per ogni metro quadrato di superficie impermeabile dotata di rete drenante. Ai fini del calcolo delle portate si stabilisce che tale quantitativo di acqua raggiunge la superficie in 15 minuti. Con lo sviluppo urbanistico degli ultimi decenni, si è incrementata in modo eccezionale la quantità di aree impermeabili soprattutto destinate ad usi produttivi e/o commerciali. Per questo sono state messe a punto delle normative che prevedono l’obbligo di accumulare le acque meteoriche ricadenti sulle superfici impermeabili e di trattarle al fine di evitare il recapito nei corsi d’acqua o nelle pubbliche fognature di sabbia, terriccio, idrocarburi, residui oleosi, particelle di materiali di consumo provenienti dagli autoveicoli circolanti, eccetera.

Acque Piovane (tetti)

Le acque piovane provenienti dai tetti e da coperture in genere normalmente non vengono trattate e possono essere riutilizzate per usi civili non potabili quali irrigazione, alimentazione delle cassette del WC e delle lavatrici. Tali utilizzi comporta una notevole riduzione durante gli eventi meteorici della quantità d’acqua che raggiunge i corpi idrici, riduce il consumo di un bene prezioso come l’acqua potabile dell’acquedotto.Ai sistemi di recupero acqua piovane è dedicata una sezione specifica nel sito.

Acque Meteoriche di Dilavamento

Le acque piovane provenienti dai tetti e da coperture in genere normalmente non vengono trattate e possono essere riutilizzate (vedi punto 3), disperse nel sottosuolo o inviate ad un recapito idrico (fosso, canale,..) tramite un serbatoio che ne limiti la portata di scarico.

Acque Meteoriche di Prima Pioggia – Tecnologie Utilizzate